Con la Sat al Trento Film Festival

Lascia un commento

17 febbraio 2016 di Paola Malcotti

Secondo appuntamento, venerdì 19 febbraio, con il ciclo di serate di grande cinema nella sala della comunità in via Rosmini a Riva del Garda, con alcuni dei migliori film che hanno partecipato alla 63ª edizione della rassegna dedicata a montagna, società, solidarietà e ambiente, proposto dalla Sat di Riva in collaborazione con Trento Film Festival-365 e GRAM (Gruppo Rocciatori d’Alta Montagna): a partire dalle ore 20.45 si proiettano «Yema e Neka» di Matteo Valsecchi (Italia, 2015, 25 minuti), «Sufferfest 2: desert alpine, AKA, 34 pieces of choss and 5 horrendous life experiences» di Cedar Wright (Stati Uniti, 2014, 26 minuti) e «Petit bus rouge» di Sébastien Montaz-Rosset (Francia, 2013, 33 minuti). Ingresso libero.

Yema e Neka

di Matteo Valsecchi

Italia, 2015, 25 minuti

Un paesino di montagna, in Trentino, ripopolato da nove ragazzi etiopi, tutti adottati dalla stessa coppia che ha adottato anche tre adulti problematici: un record italiano o forse mondiale. Due dei ragazzi, Yema e Neka, corrono, vincono, battono altri record. Sono figli dell’altopiano africano: leggeri, veloci, resistenti. Due nuovi italiani che raccontano, in parallelo, la loro storia, e quella della loro straordinaria famiglia.

Sufferfest 2: desert alpine, AKA, 34 pieces of choss and 5 horrendous life experiences

di Cedar Wright

Stati Uniti, 2014, 26 minuti

Dopo aver scalato le più alte cime della California, Alex Honnold e Cedar Wright rimontano in sella alle loro bicilette per raggiungere la regione dei Four Corners con l’obiettivo di scalare il maggior numero possibile di torri di arenaria. Meta del viaggio è la Riserva Navajo, dove i due installeranno una serie di impianti solari per fornire ai nativi un’importante fonte di energia pulita e rimarcare il legame che tiene unite l’arrampicata e la cura per la natura.

Petit bus rouge

di Sébastien Montaz-Rosset

Francia, 2013, 33 minuti

Spericolati, irriverenti, folli: non esistono limiti per gli irriverenti acrobati giramondo che attraversano l’Europa a bordo del loro pittoresco autobus rosso alla continua ricerca di nuove sfide. Prendere la vita e il mondo come se fosse un unico grande circo dove dare spazio alla gioia, alla libertà, alla ricerca della felicità.

c.s. a cura dell’Ufficio stampa dei Comuni di Arco e Riva

sufferfest-2-desert-alpine-aka-34-pieces-of-choss-and-5-horrendous-life-experiences__2

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archivi

Scelti per voi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: