Alla Banda di Ledro il primo premio al Concorso internazionale di Bertiolo

Lascia un commento

31 maggio 2016 di Paola Malcotti

È stato un debutto con i fiocchi quello del Corpo bandistico della Valle di Ledro, che domenica scorsa – per la prima volta in 28 anni di attività – ha calcato il palco di una competizione musicale d’alto livello, vincendo il primo premio nella propria categoria.

Tredici le formazioni in gara alla XII edizione del Concorso bandistico internazionale del Friuli Venezia Giulia, organizzato come da tradizione a Bertiolo (Udine) dalla Filarmonica «La Prime Lûs», una delle più antiche associazioni di stampo musicale d’Italia. Un evento culturale della durata di due giorni, tra i più ambiti anche al di fuori dei confini nazionali, che ogni due anni si rinnova con grande professionalità suscitando interesse e ammirazione da tutto il mondo bandistico europeo, che riconosce al concorso friulano un ruolo fondamentale per la divulgazione musicale e l’aggregazione sociale, strumento d’eccellenza per favorire e stimolare il volontariato culturale, oltre che di riflessione, confronto, crescita. Internazionale anche la giuria, composta dal tedesco Walter Ratzek, dall’italiano Alessandro Celardi e dall’olandese Jo Conjaerts, che al termine della due-giorni di manifestazione ha stilato la tanto ambita classifica e assegnato ad ogni gruppo in gara un punteggio espresso in centesimi, calcolato in base alla qualità dell’esecuzione, all’intonazione, al bilanciamento del suono, alla tecnica, all’articolazione e alla ritmica, per terminare con l’interpretazione artistica, la scelta del programma e la dinamicità.

I 41 musicisti del Corpo bandistico della Valle di Ledro (l’età media è di soli 20 anni), diretti dal Maestro Marco Isacchini, hanno totalizzato dunque il risultato più alto in assoluto – di 90,09 punti; al secondo posto si è piazzata invece un’altra formazione presente a Bertiolo in rappresentanza del Trentino, il gruppo fiati «I Minipolifonici» di Trento, a testimonianza dell’eccellente livello raggiunto dai musicisti della nostra provincia. Due i brani eseguiti dai suonatori, uno d’obbligo ed uno di libera scelta, che hanno portato la formazione ledrense sul gradino più alto del podio: dietro la vincita però, mesi e mesi di duro lavoro, di prove continue, di perfezionamenti, ma anche e soprattutto la passione, l’impegno, la serietà, la costanza, l’affiatamento di un intero gruppo, e quel tanto di coraggio che basta per mettersi alla prova, per osare, da sempre ingredienti segreti di una bella vittoria.

fonte: Paola Malcotti – l’Adige di oggi, martedì 31 maggio 2016

Bertiolo 2 (1280x727)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archivi

Scelti per voi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: