Terminati i lavori di sistemazione della passeggiata Mezzolago-Besta

Lascia un commento

9 novembre 2016 di Paola Malcotti

Cinque mesi per completare il lavoro più impegnativo, ossia la ricostruzione della barriera di contenimento in parte crollata e il consolidamento del fondo stradale, e sette mesi per la sistemazione delle opere accessorie, come la posa della staccionata e del rivestimento murario.

C’è voluto un anno, ma alla fine il tratto del sentiero ciclo-pedonale che collega il litorale del lago di Ledro compreso tra la presa di Mezzolago e la spiaggia di Besta è stato ieri restituito alla comunità con il taglio del nastro da parte dell’assessore provinciale allo Sviluppo economico e del lavoro Alessandro Olivi, del dirigente del Servizio valorizzazione ambientale ingegner Coppola, della giunta comunale, degli tecnici, degli operai del Progettone e delle ditte che hanno materialmente eseguito i lavori.

_mg_3025-1024x682«Si tratta di un progetto focalizzato, avviato dalla passata amministrazione e condiviso sia dall’attuale che dalla Provincia – ha detto il sindaco Renato Girardi – e che per la sua importanza paesaggistico-ambientale, oltre che per evidenti problemi di sicurezza, necessitava di urgenti lavori di sistemazione. Realizzata una quindicina d’anni fa allo scopo di recuperare le sponde del lago e ridurre i pericoli derivanti dal transito ciclo-pedonale lungo la strada statale, nell’autunno del 2014 la struttura di contenimento a monte, costruita in legno di larice, risultava essere in parte collassata e in parte deteriorata dagli agenti atmosferici. Da qui la necessità di un progetto che nel rispetto ambientale e senza nuovi sbancamenti prevedesse la posa per circa 200 metri a ridosso del vecchio muro di gabbioni di rinforzo in metallo, cemento e sassi, e il ripristino del sedime stradale».

Il tutto, per una spesa complessiva di 305mila euro, a carico della Provincia. «Il Comune da solo non avrebbe potuto intervenire – ha spiegato Olivi – ma grazie ad una collaborazione fattiva siamo riusciti a trovare un’intesa. È confortante vedere come urgenza e qualità siano dunque stati coniugati con competenza e professionalità, a beneficio di un territorio che fa del lago il proprio fiore all’occhiello, senza però dimenticare anche l’aspetto sociale dell’opera, l’opportunità offerta ai lavoratori più svantaggiati qui impiegati».

«Un lavoro egregio – ha concluso l’assessore comunale alle opere pubbliche Roberto Sartori – che in un’ottica di riqualificazione del museo palafitticolo rappresenta ora il punto di partenza per nuovi progetti di valorizzazione dell’intera fascia lago, che vanno dalla sostituzione della passerella in legno prospiciente il camping “Al Sole” alla sistemazione del lungolago di Molina, della spiaggia di Pur e di un tratto di passeggiata a Pieve».

fonte: Paola Malcotti – giornale l’Adige di oggi, mercoledì 9 novembre 2016

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archivi

Scelti per voi

Alto Garda & Ledro news

... di tutto e di più dalla nostra zona

Paper and Salt

Paper and Salt attempts to recreate and reinterpret dishes that iconic authors discuss in their letters, diaries and fiction. Part food and recipe blog, part historical discussion, part literary fangirl-ing.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: