Nuovi orti pubblici: c’è il bando

Lascia un commento

31 dicembre 2016 di Paola Malcotti

Gli orti pubblici, spazi verdi coltivabili ricavati nella città che l’Amministrazione comunale di Arco assegna in gestione ai cittadini che ne fanno richiesta, negli ultimi anni hanno conosciuto un notevole sviluppo in molte città europee e nordamericane, quale elemento-simbolo di un nuovo modello di vita.

Ad Arco 52 nuovi orti pubblici sono stati ricavati al parco «Nelson Mandela» alle Braile, nell’ambito di un più ampio progetto che mira a fare del nuovo spazio verde un luogo di socialità, condivisione e benessere. Dei 52 nuovi orti, 45 saranno affidati ora ai residenti che ne faranno domanda: 25 a persone che abbiano raggiunto i 60 anni di età (come già in passato per gli orti di via Torino), e 20 (novità) ai cittadini (maggiorenni) e alle famiglie. Domande entro il 10 febbraio, su apposito modello che si trova allegato al bando (nell’Albo pretorio informatico del Comune di Arco, www.comune.arco.tn.it) oppure all’Urp, al piano terra del municipio. Informazioni: 0464 583607.

Il progetto di gestione degli orti pubblici è stato realizzato con l’associazione Andromeda, che ha attivato un apposito gruppo di lavoro costituito da Claudia Ferrari, facilitatrice di comunità, Angelica Polegato, formatrice, Vania Cappelletti, psicologa dell’età evolutiva, e Elisa Settin, architetto del paesaggio, con la consulenza dell’agroecologo Stefano Delugan. Redattore del progetto è l’architetto Stefano Maurizio. Il parco «Nelson Mandela» è un grande spazio verde (circa 14 mila metri quadrati) sottratti all’urbanizzazione e destinati al verde, la cui realizzazione è avvenuta (dal 2005) con un processo partecipato che ha coinvolto scuole, associazioni, cittadini. Un progetto in divenire, del quale i nuovi orti urbani costituiscono un elemento centrale, in quanto centri di aggregazione di tante persone diverse. Oltre ai 45 orti oggetto del bando, infatti – i quali già realizzano l’obiettivo di mettere in relazione generazioni diverse –, tre diventeranno orti sociali e didattici (saranno accessibili anche a persone con disabilità), due saranno destinati a servizi e coltivazioni comuni (ad esempio il compost, le erbe aromatiche) e due a gruppi informali.

«Quella dei nuovi orti pubblici è una iniziativa molto importante – ha detto l’assessora alle politiche sociali Silvia Girelli, nel corso della conferenza stampa che s’è tenuta in municipio nella mattina di giovedì 29 dicembre – perché costituisce il centro pulsante del parco urbano. Per questo abbiamo in programma per il 13 gennaio una serata informativa a Palazzo dei Panni, aperta a tutti: vogliamo spiegare la valenza ampia e articolata dell’iniziativa degli orti, in modo da coinvolgere più persone e associazioni possibile».

«Per noi il parco Nelson Mandela è un motivo di orgoglio – ha detto il sindaco Alessandro Betta – perché si tratta di un’azione ambientale di grande portata, uno spazio enorme destinato al verde e alla collettività. Ora con questo progetto e con altri lo stiamo facendo vivere; verso la coltivazione dell’orto c’è un interesse e una sensibililtà crescenti, l’orto è uno strumento per sperimentare nuovi modelli di vita, per socializzare, per costruire comunità, per tessere rapporti, e per noi è un tassello fondamentale di un progetto ambientale più grande, ambizioso e innovativo, che avrà numerosi, ulteriori sviluppi».

«Quello che teniamo a chiarire – ha detto Ginetta Santoni, presidente dell’associazione Andromeda – è che si tratta di un progetto molto concreto, realizzato da persone che hanno tutte un’esperienza diretta in tema di orti pubblici e sociali. Il nostro lavoro ha come obiettivo il massimo coinvolgimento della cittadinanza, e la nostra associazione si fa tramite nel raccogliere le esigenze e le aspettative della comunità e nel fornire ad esse una risposta».

«In Trentino ci sono più di 15 tra orti sociali, didattici e solidali – ha detto l’agroecologo Stefano Delugan – grazie anche ad iniziative della Provincia che ha creato il progetto “Orti in rete”, coinvolgendo anche l’Alto Adige. Gli orti sociali devono essere aperti e calibrati sulla realtà sociale nella quale si trovano, sono progettati ad ambiti e dotati dei necessari servizi, dei quali alcuni sono condivisi, tutto per creare socialità, interazione, comunità, anche tra le diverse generazioni».

c.s. a cura dell’Ufficio stampa dei Comuni di Arco e Riva

orti_pubblici_1

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archivi

Scelti per voi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: