L’Ottocento rivive con i balli del “Salotto Maffei”

Lascia un commento

27 febbraio 2018 di Paola Malcotti

Gran galà, merende musicali, rievocazioni storiche. Ma soprattutto, appuntamenti danzanti nei più bei palazzi, castelli, teatri d’Italia e d’Europa, per restituire lustro all’atmosfera, agli abiti, alle coreografie, che a metà Ottocento regnarono negli ambienti culturali più rinomati ed esclusivi.

A distanza di 220 anni dalla nascita di Andrea Maffei, poeta ledrense di nascita e rivano d’adozione, figura influente nella società dell’epoca, si è ufficialmente costituita nelle settimane scorse l’«Associazione Salotto Maffei», un sodalizio che facendo tesoro della passione coltivata dai propri soci intende promuovere la conoscenza e la cultura contemporanea al noto letterato riportando in auge quel contesto mondano che a metà Ottocento fu punto di incontro di aristocratici, artisti, musicisti e scrittori, tra cui Giuseppe Verdi, Alessandro Manzoni, Francesco Hayez, Honoré de Balzac.

«Il nostro intento è quello di sostenere la diffusione della danza sociale del XIX secolo – spiegano Helmut Graf, presidente della neonata associazione e già tra i fondatori di “ItaliaOttocento”, gruppo nazionale di ricerca e condivisione sulla danza storica, ed Angelo Pederzolli, tra i giovani soci del direttivo – A quel tempo, attorno alla figura di un importante artista o letterato veniva sempre a crearsi un gruppo di musicisti ed intellettuali dediti alle arti, al confronto ideologico e allo svago. La principale attività mondana era il ballo, organizzato da enti pubblici in teatri, sale, corti, o da privati, che aprivano i saloni dei propri palazzi. Partendo dunque da Andrea Maffei, dalla grande influenza che ebbe nella società del suo tempo, dai manuali dei maestri di cerimonia e dal nostro personale interesse verso quel periodo storico, abbiamo deciso di promuovere la conoscenza degli usi, dei costumi e dei rapporti sociali di allora. Grazie ad un’opera di ricerca e recupero delle fonti originali, intendiamo riproporre fedelmente valzer, polke, mazurke, contraddanze e quadriglie, ma anche ricostruire – in costumi d’epoca, realizzati nell’atelier di sartoria roveretana di Kevin Delaiti facendo fede a modelli tratti da disegni e cartamodelli originali – gli eventi storico-culturali che segnarono il nostro territorio, coinvolgendo laddove possibile il pubblico».

Oltre agli eventi a tema che nel corso del 2018 verranno organizzati in zona, la neonata associazione altogardesana prenderà parte a Firenze ad una serie di iniziative dedicate all’Unità d’Italia. Il gruppo si ritrova ogni lunedì sera alle 21 all’ex Colonia Sabbioni ed invita chiunque interessato a partecipare.

fonte: Paola Malcotti – l’Adige di oggi, martedì 27 febbraio 2018

Salotto Maffei 1

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Archivi

Scelti per voi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: